L’animalier instinct!

Dopo aver cavalcato le passerelle della scorsa stagione invernale, le fantasie animalier resistono alle temperature calde di questa estate, dominando anche gli outfit più leggeri. Dallo zebrato al leopardato e tigrato, che si tratti di strisce o macule più o meno grandi, questa intramontabile fantasia non può mancare nel nostro guardaroba.
Dall’haute couture ai marchi più accessibili, molte le griffe che si sono divertite nella creazione di stampe animalier, fino a creare eccentriche sovrapposizioni e giustapposizioni di pattern e tessuti diversi. Per non rischiare di cadere nel cattivo gusto, o se proprio non vi va di osare con un total look anmalier, direi di abbinare l’animal print con colori sobri e neutri come il beige, il nero e il khaki. Dall’intimo agli accessori e ai capi d’abbigliamento, l’animalier print resta una delle fantasie più longeve del panorama della moda internazionale. Anche Mango, uno dei miei marchi low cost preferiti, non ha perso occasione per riprendere nell’attuale collezione una fantasia già nota al marchio spagnolo, accostandola a quella più jungle.

L’animalier secondo Mango

Eh allora si va di shopping! Per la prima cerimonia della stagione ho scelto una vestitino semplice ma molto carino. Corto e senza maniche, con collo arrotondato in chiffon nero e chiusura a goccia con bottoncino sul lato posteriore. Interamente animal print e foderato internamente, l’abitino aderisce nella parte superiore, chiudendosi in vita con un cinturino minimal di pelle di serpente sintetica e scendendo morbidamente grazie alle piences sul lato anteriore e alle tasche laterali. La gonna resta ampia ed è adatta anche per le forme più rotonde. Lo trovate qui.
Abito animal print Mango

Mary Jane, un modello senza tempo

Ho abbinato sopra un coprispalle in pizzo nero corto con nodo sul davanti e delle Mary Jane spuntate nere lucide che ho comprato lo scorso inverno da Zara. Non so se mi ricordano di più i miei trascorsi da ballerina di salsa, o gli anni 20 con il loro stile vintage. Da appassionata di Sex and the City, non poso non pensare alla scena in cui Carrie Bradshaw, scoprendo le Mary Jane di Manolo Blahnik, esclama nei camerini di Vogue America “pensavo fossero una leggenda”!.
Leggenda o no, sono adesso ai miei piedi direttamente dalle vignette di Buster Brown. Effetto glamour garantito!
Mary Jane decollete nero lucido Zara basic
Cosa ne dite dell’outfit? Vi piace? E voi, mai osato con l’animalier?Similar Posts: