In CuCiNa

Le mie giornate preferite sono quelle che terminano davanti ai fornelli, quelle in cui arrivi a casa e ti liberi di borsa e soprabito per scappare in cucina, dopo aver messo su un po’ di musica e riempito il bicchiere del tuo vino preferito (un dito altrimenti ci si ubriaca!).
Quelle che apri il frigo e tiri fuori gli odori delle erbe, i colori delle verdure, la bellezza e la semplicità di ingredienti freschi, quelle che sporchi tutto e ti rilassi, scaricando pressioni e cancellando ogni cattivo pensiero, quelle che ti senti felice, perché stai creando qualcosa, perché sai che poi arriverà sempre lui che, affacciandosi alla porta della cucina con il suo sorriso compiaciuto e coccolone, mi dirà “Che profumino! Che c’è di buono stasera?”. E allora gli sorrido anche io e gli do un bacio. Io cucino per questa gratificazione perenne che vale ogni tentativo, il tempo, l’impegno e tutti i 100 mila aggeggi che sporco e che poi mi tocca lavare.
Cucinare è senza dubbio un atto d’amore, un modo di prendersi cura di chi si siede alla tua tavola. Come l’amare, “o ci si abbandona completamente o si rinuncia” (H. Van Horne). “Cucinare è un modo di dare” (M. Bourdin), ma anche di prendere. Cucinando, si rielaborano non solo sapori e tradizioni culinarie, ma si impastano e si mescolano le nuove idee insieme con gli ingredienti, le reazioni, i commenti, i sorrisi, i complimenti e le critiche dei nostri commensali. Cucinare è come reinventarsi, ripensarsi, mettersi sempre in discussione, alla prova, un continuo tentare e migliorarsi. Un po’ la metafora della vita.

“La cucina è un posto straordinario, non un posto come un altro della casa” (A. Borgehese). Un posto dove ogni cosa si incontra con un effetto esclusivamente costruttivo e positivo. Mi piace cucinare perché, come dice Sofia Loren in “In Cucina con amore”, “Una donna che sa fare la pasta a regola d’arte, ha un prestigio che resiste anche oggi a qualsiasi altro richiamo dei tempi”. “I baci non durano; saper cucinare sì” (G. Meredith).

Cucino non solo per passione. Mi piace smanettare ai fornelli, perché so apprezzare i piaceri della vita. Sono una buongustaia e una buona forchetta. Pastaiola doc. Cucinare, sedersi a tavola, condividere un momento di relax con le persone che si amano è per me il più bello dei rituali.


Leggi di più…Chiudi…

Pasta alla siciliana light
giu19

Pasta alla siciliana light

Uno dei primi che preferisco è la pasta alla siciliana, un piatto che mamma prepara spesso d’estate. L’odore della melanzana che frigge, mi riporta alla mente dolci ricordi adolescenziali. La pasta alla siciliana si compone di tre ingredienti fondamentali: melanzane fritte a cubetti, pomodorini freschi e provola. Qualche giorno fa, ho voluto rivisitare questa ricetta in chiave light. Ne è venuta fuori una simpatica pasta all’insalata,...

Continua a leggere
Insalata di pasta alla Caprice
giu02

Insalata di pasta alla Caprice

Giornata di sole. Giornata di fine primavera. Fame. Cosa cucino di buono e fresco? Sbirciata veloce al frigo. Non ho pensato al pranzo di oggi, per cui mi toccherà improvvisare con quello che mi ritrovo in cucina. Spesso compro al supermercato un simpatico kit di verdure fresche, composto da broccoletti, taccole, pannocchiette di mais, porri. La prima cosa che mi viene in mente è una saporita insalata di pasta. Frutto...

Continua a leggere
E’ tempo di detox, è tempo di asparagi!
apr10

E’ tempo di detox, è tempo di asparagi!

Quando la primavera arriva ad Amburgo, te ne accorgi subito più che per il cambiamento climatico per l’invasione in tutti i supermercati di due delizie del palato: le fragole e gli asparagi. Per le prime ho sempre avuto una sorta di rifiuto. Una lieve allergia mi portava un enorme prurito al palato non appena ne mangiavo una. I secondi non sono stati quasi mai nella lista della spesa di mia madre né negli inventari dei supermercati di...

Continua a leggere
Peperoncini verdi coi pomodorini
dic04

Peperoncini verdi coi pomodorini

Ieri sera ho fatto i peperoncini verdi al sugo. L’odore dei peperoncini, come quello dei peperoni arrostiti, mi ricorda tanto l’estate e la colazione che ci portavamo da ragazze al mare. Nel pane sono la fine del mondo. Questa è una delle ricette tipiche della mia meravigliosa terra. Ecco a voi la ricetta dei “puparulilli” così come li chiamiamo noi. Uno dei contorni preferiti di mio marito. Che fai non lo accontenti? Ottimi come...

Continua a leggere
Tasche ripiene di mele
set07

Tasche ripiene di mele

Da quando sono tornata dal mio viaggio a Vienna, ho preso l’abitudine di prepararmi nel fine settimana le “tasche di mele”, delle sfogliate fatte con mele, marmellata e cannella, che mi ricordano vagamente lo strudel, di cui vado matta! Che bontà! Non dimenticherò mai le scorpacciate di Sacher e di Strudel al Demel e al Cafè Central di Vienna…una piacevole scoperta è stato anche il Kaiserschmarr (che ho provato al cafe Residenz di...

Continua a leggere
Manicotti con sugo di melanzane a funghetto
set01

Manicotti con sugo di melanzane a funghetto

Arriva il fine settimana e io finalmente posso godermi la mia pastasciutta! Si, perché in settimana a pranzo vado di insalatine, sandwich e cose leggere per non correre il rischio di addormentarmi davanti al pc. A cena evito carboidrati. Le 3 P non sono mai nostre ospiti la sera. Come chi sono le 3 P? Pasta, pane e patate. Che castigo! Io sono una pastaiola di quelle che la pasta la mangerebbe ballando sul tavolo e con le mani alla...

Continua a leggere
Pagina 2 di 3123