Location matrimonio – consigli per la scelta

Quando si parla di matrimonio, è giusto non ridurre il significato dell’unione spirituale tra due persone a una festa, trasformando il giuramento di amore eterno semplicemente in un evento mondano. E’ pur vero, però, che la location per il ricevimento ha un ruolo fondamentale nell’economia dell’intero matrimonio e una scelta errata può influire negativamente sui festeggiamenti e lasciarvi un brutto ricordo di quel giorno. Siccome ci si sposa una sola volta (almeno si spera), è bene ponderare la scelta e considerare diversi fattori prima di decidere dove  accogliere i vostri ospiti.

Location matrimonio – come sceglierla
Lo ammetto, la scelta della location del mio matrimonio è stata la più difficile e quella che per la quale ho impiegato più tempo, avendo basato ogni altra decisione su istinto e impulsi fatti di microsecondi. Essendo tra le voci di budget più elevate, bisogna andarci un attimino con più cautela. Un mesetto, andando di villa in relais, di ristorante in albergo. Dal Blu Relais allo Chateaux Don Alfonso, dal Grand Hotel Excelsior Vittoria al Parco dei Principi. L’ho sempre saputo che mi sarei sposata a Sorrento, sul mare. La penisola sorrentina non è solo uno dei fiori all’occhiello del turismo partenopeo. Per me è uno scrigno infinito di piacevoli ricordi di gioventù, di attimi felici, spensierati ma anche di lavoro, di amicizie e amori. Un luogo mio, in cui mi sento a casa. Non riuscivo a immaginarmi altrove per quel giorno. Prima di iniziare il mio tour di infinite andate e ritorni su e giù per la costiera, mi spulciai ben bene internet. La mia ricerca per la location del ricevimento del mio matrimonio è partita da Amburgo, sul web, che mi ha aiutato tantissimo, facendomi risparmiare tempo e aiutandomi a programmare le mie visite solo a quei luoghi che erano sopravvissuti a quel mio primo giro virtuale. Tre sono i fattori oggettivi da cui la scelta della location del vostro matrimonio non può esulare:

  • Budget disponibile
  • Numero e tipologia di invitati
  • Modo in cui volete festeggiare
  • Stile del matrimonio

Quanti soldini avete in salvadanaio?
Il budget è sicuramente il fattore numero uno, quello che influirà maggiormente sulla decisione finale. Può essere un limite, restringendo il numero di opzioni possibili, ma può anche essere un grande alleato, facilitandovi nella fase di selezione. Dipende se vedete il bicchiere mezzo vuoto, o mezzo pieno !

Festa tra intimi o di paese?
Il numero di invitati è il secondo grande fattore da tenere in considerazione. A Sorrento così come anche ad Amalfi, Positano e Ravello, tutti paesini arroccati sul mare, sono numerosi i ristorantini e gli alberghetti, soprattutto quelli stellati e di alta cucina, che non accettano matrimoni grandi, vista anche la conformazione geografica, ponendo un limite al numero massimo di invitati. Sono perfetti per i piccoli matrimoni come il mio. Il ristretto numero di invitati è stato il motivo per il quale non ho potuto prendere in considerazione ville come Antiche Mura, tra i miei piani iniziali. Se, quindi, queste strutture non fanno al caso vostro, perché al seguito avete poco meno che l’intero paese di nascita, allora per voi saranno perfetti i grossi casali, che invece stabiliscono un numero minimo d’invitati per potervi aprire le porte. Se il vostro è un matrimonio tra intimi, questi immensi spazi a disposizione non vi serviranno a un bel nulla e darebbero una triste sensazione di vuoto. Inoltre c’è da considerare che le ville impongono un importo per il solo affitto che può superare anche i 10 mila euro e che va ad aggiungersi a quello del catering. Facendo i conti, tali costi, spalmandosi su un numero esiguo di invitati, risulterebbero enormi, con un prezzo finale a persona evidentemente troppo caro.
Se avete deciso di sposarvi in un luogo non facilmente raggiungibile o con una particolare conformazione (diviso su più piani, con numerose scale), allora dovete sincerarvi che non ci siano molti bambini o persone con disabilità fisiche. Le strutture con un numero esiguo di posti in cui parcheggiare non sono adatte per grandi matrimoni, a meno che non ci si muova tutti con un unico bus privato o non si viva tutti nei loro pressi! Se l’età media dei vostri invitati supera i 70 anni, forse, un ricevimento in spiaggia o a chilometri di distanza dalla cerimonia o dal luogo di partenza degli ospiti non è l’ideale.

Let’s have party
Come vi immaginate il ricevimento delle vostre nozze? Una cena elegante tra amici e parenti con musica soft di sottofondo? Un pranzo, tavolata unica, allegramente interrotto da qualche brindisi di troppo e un passo di danza? Mega party fino a notte fonda con tanto di musica da disco e cornetto e cappuccino al mattino seguente? La prima opzione, la mia, è per chi vuole festeggiare, senza fare necessariamente casino fino a tardi. E’ il ricevimento tipico di hotel di lusso e ristoranti stellati con un codice di comportamento formale. Se avete scelto questa tipologia di location, non vi aspettate di festeggiare oltre la mezzanotte. Stesso orario per la seconda opzione. Non trattandosi di una cena ma un pranzo, avrete più tempo da trascorrere con i vostri ospiti, tra chiacchiere e balli di gruppo, ma raramente la vostra festa si potrà protrarre oltre le 00.00. Questo tipo di festeggiamento caratterizza le strutture di medio livello o comunque il matrimonio di chi è un pochino più caciarone e festaiolo. Se invece volete proprio che quel giorno debba lasciare il segno come solo un rave sa fare, allora presentatevi alle porte di una villa con faretti e djay al seguito. Sarete i benvenuti. In generale, chi festeggia in una villa o casale, ha una maggiore libertà nell’organizzazione del proprio matrimonio, essendo raramente imposti limiti di orario restrittivi o divieti di altro tipo. Non che potete fare come se foste a casa vostra, ma l’affitto a volte molto esoso, vi libera da quei condizionamenti che caratterizzano le altre strutture. Di quello spazio privato tutto a vostra disposizione potete farne ciò che volete, senza la paura di disturbare altri ospiti.

Attenti agli abbinamenti
Certo è, che se volete un matrimonio tra pochissimi intimi e in stile marinaro, non andrete mica a sposarvi in un grosso casale di campagna. Le Maldive, o qualunque altro posto esotico e in riva al mare, faranno al caso vostro. Se il vostro è di quei matrimoni dove volete che proprio tutti, anche i vecchi amichetti di asilo, rispondano all’appello, forse dovreste rinunciare a una location in una città diversa da quella in cui siete nati e cresciuti, a meno che non vi sobbarcate le spese di spostamento e alloggio per tutti! Il luogo del ricevimento per il matrimonio deve rientrare nel disegno originale, aderendovi perfettamente. Ho visto strutture bellissime, eppure non adatte allo stile che volevo dare al mio matrimonio. Sontuosi nell’arredamento, non in linea con quel tocco di freschezza che immaginavo e che ha caratterizzato il mio ricevimento. E’ stato questo il motivo che mi ha fatto scartare la sala pompeiana del Bellevue Sirene, che invece avrei prenotato volentieri già solo per la professionalità del personale.

Al di là di tutto, la vostra scelta ricadrà, tra quelle possibili, sul luogo in cui vi sentirete più a casa. Con quello che avrà saputo lasciarvi, per un motivo o l’altro, quel qualcosa che vi farà ritornare di lì a poco, quelle che tutto ciò che vedi non è paragonabile, quelle in cui entrate subito in sintonia. Il modo in cui sarete accolti e i dettagli faranno poi la differenza.
E’ quello che è successo a me, dopo aver visitato il Capolagala (di cui ho scritto già qui) e aver parlato con Mario, il proprietario, e lo chef, Danilo. Era perfetto per me. Come la scarpetta di cenerentola, calzava a pennello.

….Consigli e dettagli….
Oltre ai fattori sopra esposti, per fare la scelta giusta, valutate anche altri elementi. L’importanza di questi dettagli varia da persona a persona, a seconda delle esigenze e priorità. Ve ne elenco un paio a seguire:

  • Se possibile, evitate grandi distanze tra il luogo della cerimonia e quello del ricevimento. Trattate bene gli invitati, sono lì per voi.
  • Rapporto qualità-prezzo
  • Menù (valutate se possono farvi menu a parte per ospiti vegetariani o celiaci)
  • La mise en place e gli addobbi
  • La cortesia del personale
  • Gli eventuali extra al prezzo a persona (se le bibite o la stanza per la prima notte è inclusa nel prezzo finale ad esempio)
  • La presenza di un parcheggio capiente gratuito
  • La flessibilità negli orari e nella gestione della vostra festa
  • La disponibilità ad accogliere un piano bar o in generale richieste più particolari (fuochi d’artificio o sorprese di altro tipo)
  • L’organizzazione di un miniclub (necessario se ci sono troppi bambini)
  • Un servizio navetta per gli invitati, se la chiesa o il comune dista di lì a poco.

In generale affidatevi a professionisti. Solo le strutture dotate di competenza ed esperienza, potranno garantirvi un ricevimento senza brutte sorprese. E’ importante che la struttura scelta vi sgravi di pensieri e faccende, semplificandovi la vita e offrendovi tutta la disponibilità per un ricevimento a vostra immagine e somiglianza. In ultimo, prima di prenotare fatevi un giro tra i forum per raccogliere esperienze e metterle a confronto con le vostre sensazioni. La testimonianza di altri vi può essere molto utile. Spero di esservi stata di aiuto e di avervi fornito utili dritte. Sappiate che con la scelta della location del matrimonio siete balzati direttamente a metà percorso.

Al prossimo step!Similar Posts: