L’organizzazione di un matrimonio è questione di STILE!

Un fascio di rose rosse nel giorno del mio matrimonioCi pensate e ripensate e ancora sorridete al ricordo di quel magico momento. Siete tre metri sopra il cielo o, forse, avrete preso direttamente il volo verso nuovi mondi, tanta è la felicità. Vi guardate ancora l’anulare destro e sgranate gli occhi incredule. Il vostro primo “SI” lo avete finalmente pronunciato. Leggere e col sorriso stampato in faccia, siete un colabrodo di emozioni e nuovi progetti. Siete del giusto umore per iniziare i preparativi per il vostro matrimonio. Inizia il periodo che vi porterà dritte su quel lungo tappeto, alla fine del quale pronuncerete il vostro secondo e, si spera, definitivo, “SI”.

Da dove partire
Molti vi diranno che questo è il periodo più stressante, almeno quanto un trasloco o un licenziamento. Super cavolate con doppio salto mortale e triplo avvitamento! State organizzando un lieto evento, anzi, mi correggo, una festa, la vostra, e dovete organizzarla col sorriso per iniziare a riscaldare l’atmosfera. Io lo ricordo come uno dei periodi più felici della mia vita. Lo ammetto, si, gli ultimi giorni sono dimagrita un bel po’ di chili, ma alla fine, poi, ritrovarsi con un figurino non è mica tanto male. Tanto poi li rimetterete tutti in luna di miele!
La domanda che vi porrete all’indomani della vostra proposta (di cui ho scritto qui) sarà: “Come organizzo il mio matrimonio?”, “Da dove parto?”. Accanto alle più impanicate, che hanno bisogno di tutto l’aiuto di amiche e parenti, ci sono le sognatrici, quelle che il proprio matrimonio lo hanno già vissuto mille volte nei propri sogni a occhi aperti e sanno esattamente quello che vogliono. Per loro sarà un gioco da ragazze!
In preda al panico o spedite sulla scia della vostra fervida immaginazione, tutto ciò di cui avete bisogno per organizzare il vostro matrimonio non è la più quotata delle wedding planner, ma idee chiare e un piano organizzativo, una sorta di to do list, grazie al quale segno di spunta dopo segno di spunta vi ritrovate vestite di bianco nelle braccia del vostro lui.

Per questa prima fase, ho un paio di consigli semplici semplici per voi….

  • Sicuramente avrete già fantasticato col vostro partner sul giorno del fatidico “SI”, su come vorreste che fosse e come ve lo immaginate. E’ proprio questo il primo passo da fare. In due. Perché quello che state organizzando è l’inizio di una vita di coppia, non da single. Si comincia proprio da qui. L’organizzazione del matrimonio non è esclusivamente una cosa da donne. La festa non è solo per le spose. Molte ricevono carta bianca dal partner, che si annoia al solo pensiero di bomboniere e fiori. Mica il rombo dell’auto che sceglierà per voi quel giorno! Va bene la divisione dei ruoli, ma cercate sempre di coinvolgervi e decidere insieme. Siete entrambi i protagonisti. Affidare tutto ad uno solo partner, rende il periodo che separa dalle nozze, stressante e per niente divertente, un dovere, un qualcosa da terminare al più presto, per ritrovare la propria pace! A meno che non ci siano limiti e complicazioni di sorta, chiaritevi le idee insieme, confrontatevi, scambiatevi opinioni. Donne, a vostra volta, non estromettete i maschietti. Non fate che questo momento sia per loro un puro esborso di carta moneta! Non delegateli al semplice ruolo di finanziatori. Divertitevi, è una festa che insieme dovrete organizzare a vostra immagine e somiglianza.
  • E arriviamo a un altro punto importante! Vorrete mica organizzare una festa impersonale o, peggio, come piace ai vostri genitori e suoceri o semplicemente come vuole la tradizione? Il vostro matrimonio deve parlare di voi, deve portare chiara la vostra firma con tanto di timbro. Non accettate intromissioni. Solo consigli da mixare ai vostri gusti, esigenze e aspettative.
  • Sceglietevi un tema e fate in modo che ogni cosa porti il segno di quel disegno generale. Date alla vostra festa uno stile chiaro e preciso che passi attraverso ogni suo elemento, dalla location al vestito, dai fiori alle partecipazioni. Non strafate, non create dissonanze.

Le tendenze per il 2014 vanno nella direzione del matrimonio bohemien alla Margherita Missioni. Data la flower mania di questa primavera estate, io mi farei prendere la mano da questa moda portando colori vivaci e motivi floreali ovunque. Ma sono sempre più numerose le mode che vanno ad aggiungersi alla lista. Da quello vintage a quello hippie, dal country a quello urbano, dallo shabby al vintage, dal green a quello marinaro, parigino, inglese o americano, giapponese o provenzale, qualunque sia lo stile scelto l’importante è che ci sia un filo conduttore e non manchi il tocco personale, dettagli che parlino di voi. Scegliete quello che più fa per voi, basta un giro in Google per raccogliere qualche idea prima di decidervi. Sarebbe carino rendere palese lo stile della festa e invitare gli ospiti a partecipare, magari “imponendo” un dress code in tema….ma questa è un’idea che dovete ponderare bene, considerando soprattutto gli ospiti che festeggeranno con voi il giorno più bello della vostra vita.

Il mio matrimonio sul mare – lo stile marinaro
Io e il super marito ci facemmo prendere subito dall’idea del matrimonio stile marinaro. Non poteva essere altrimenti. La nostra è una città di mare, è in riva al mare che abbiamo trascorso gran parte della nostra vita e il mare è quello che più ci manca da quando siamo qui. Volevamo che questo elemento fosse parte della cornice di quel giorno. Più che uno stile, per noi era una necessità. Stabilire un tema ci ha aiutati nella scelta e nella selezione di ogni cosa, dalla location fino al più piccolo dei dettagli. Ha reso tutto più semplice. Molte opzioni, infatti, si sono auto eliminate, semplicemente perché non adatte al contesto. Io volevo un matrimonio elegante ma fresco, easy, giovanile. Incravattato ma non troppo abbottonato. Credo di aver fatto un buon lavoro, per essere il primo matrimonio! :)
Il mio matrimonio sul mare. Lo stile marinaro.
E voi? Come ve lo immaginate? Siete in procinto di sposarvi?

Similar Posts: