E sona mo’ – Parafrasando Pino Daniele

“Son nato a Napoli, perciò mi piace il mare, sotto il segno dei pesci, ma non riesco più a navigare”, cantava nel ’93 in “Mal di te”. Poche righe per descriversi, poche righe per ricordarlo a modo mio, nel mio ultimo e doveroso saluto a colui che meglio di ogni altro ha saputo raccontare quella “Terra mia”, che “è bello a la penzà….è bello a la guardà”. Oggi ho saputo della scomparsa di Pino Daniele, la voce del blues napoletano, il “lazzaro felice”, “‘o buono guaglione”, il “nero a metà” che raccontava storie di “belle ‘mbriane” e munacielli, fondendo il suono del mandolino con melodie arabe e note jazz, samba e rock. Nel 1977, con Napul’è, la mia città diventava poesia nei versi di Pino, che proprio con questo ritratto cantato della bella Partenope iniziava la sua carriera.

Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce de’ criature
che saglie chianu chianu e
tu sai ca nun si sulo.
Napule è nu sole amaro
Napule è addore ‘e mare
Napule è ‘na carta sporca
e nisciuno se ne importa e
ognuno aspetta a’ ciorta.
Napule è ‘na cammenata
inte viche miezo all’ato
Napule è tutto ‘nu suonno
e ‘a sape tutti o’ munno ma
nun sanno a verità.

Domani, 6 gennaio alle 20:45 un flashmob riunirà migliaia di napoletani, che saluteranno Pinuccio, cantando insieme in Piazza del Plebiscito questo capolavoro d’autore. I funerali a Roma, la sepoltura a Grosseto, che importa? La sua ispirazione è nelle sue radici, in quella via “Toledo”.

Nelle canzoni dei suoi primi album noi napoletani abbiamo scoperto un po’ di più di noi stessi. Pino ha trasformato in parole le abitudini, le credenze, il modo di vivere e affrontare la vita di un popolo e l’essenza della sua cultura. “Maronna Mia”, “Gesù Gesù” esclama il napoletano che non può fare a meno di quella “tazzulella ‘e cafè ca sigaretta a coppa pe nun verè”, che infondo “che ce ne fotte” “ce sta chi cè pensa”, tanto prima o poi “qualcosa arriverà”. Lui che vuole essere compatito e ha fatto del “cerca ‘e me capì” una filosofia di vita, eternamente affranto da quella “Appocundria che scoppia ogne minuto ‘mpietto”, ma sempre alla ricerca di quel qualcosa per “putesse essere allero”, perché, in fondo, al napoletano “basta ‘na jurnata ‘e sole e quaccheduno ca te vene a piglia’, ma basta ‘na jurnata e sole, pe’ pote’ canta’”, a lui che “tene ‘o mare e ‘o sape ca è fesso e cuntento” perché “chi tene ‘o mare ‘o ssaje nun tene niente…” o forse solo “’a pacienza ‘e suppurtà”.
Pino cantava di quel napoletano pazzo che “si se ‘ntosta ‘a nervatura mette tutti ‘nfaccia ‘o muro”, quel napoletano che “aiza ‘o vraccio ‘e cchiù pe nun se fa ‘mbruglià’ e dà ‘nfaccia senza se fermà’, pecchè l’abbrucia ‘o fronte ‘e ‘na manera adda sfugà'”, che esprime il suo peggior malaugurio con “Puozze passà’ nu guaio llà addò nun coce ‘o sole”. “Nun me scuccià” dice “quann chiove” ed è di cattivo umore. Ma lui conosce la ricetta per “l’alleria”: “Fatte ‘na pizza c’a pummarola ‘ncoppa, vedrai che il mondo poi ti sorriderà”. “Cammina cammina” “miezo ‘a via pe sbraità'” “sotto ‘o sole” “ca vocca salata” il napoletano che mette in tutte le cose “nu poco e sentimento” perché lui “’O ssape comm fa ‘o core”. Lui “‘o scarrafone, sempre bello a mamma soja”.

La storia di Pino Daniele si intreccia alle infinite storie dei suoi fan, della sua città, e anche un po’ alla mia, agli amori passati, ai ricordi di giornate a squarciagola sui muretti della scuola.

Tu, tu che “lunedì mi lasciasti in quell’angolo così, gli occhi fissi sulle tue parole”, “resti cu’ ‘mme!”

E io, io che sono d’accordo con te quando dici che: “noi corriamo troppo in questa solitudine. E allora sì che vale ‘a pena e vivere e suffri’ e allora sì che vale ‘a pena e crescere e capi’, credere ancora all’amore farsi portare un po’ di più oppure è tutta suggestione questa vita.”

La tua “anima” “saglie, saglie” verso quell'”angolo di cielo”, mentre a noi resta un “deserto di belle parole”.
Eh già, l’anima! “in questa vita c’è bisogno di più anima, per sopportare quello che c’è intorno”

“Che Dio ti benedica” Guagliò!

Foto di Rosco57 Flickr.comSimilar Posts: